Nuvole Rapide

Dici Subsonica e vedi tu, seduta sotto la scrivania di un’ aula computer di un liceo troppo vecchio, ad ascoltare Amorematico da un lettore CD della Sony color argento. Erano i giorni del compito di greco sull’ Odissea, era l’ultima settimana della Prima Liceo, che adesso si chiama terza come in tutte le altre scuole.

Farsi le foto con i Subsonica dietro il palco di un concerto gratis a Trescore Balneario, aspettare l’ MTV Day su un pratone in un giorno di settembre a Bologna, spintoni al Forum di Assago in un giorno di Aprile.

Dici Subsonica ed erano feste negli pseudo centri sociali di Besana Brianza, e salti altissimi su Albascura e una serie di primi indirizzi email imbarazzanti.

Erano i giorni gloriosi dei tuoi diciassette anni.

Dici Subsonica e ti chiedi se domani a Camden Town saranno ancora uguali, le facce di Samuel Umberto Romano e Max Casacci, nove anni e mezzo dopo quelle fotografie a Trescore Balneario.

Cose che ti fanno credere che il passato ti insegue, in qualche modo.

Quei Subsonica che sentivi vicini perchè cantavano di un cielo del Norditalia grigio come il tuo, e tantissime altre cose che non riesci a scrivere.

Nuvole Rapide e un attimo che.

Passerà.

Stay Tuned

Annunci
Nuvole Rapide