Goldfish

Pesce d’ aprile.

Strana la vita dei pesci rossi. Cioè, cose tipo vivere tutta la vita in una boccia di vetro, che se qualcuno non ti cambia l’ acqua tutti i giorni muori, che se qualcuno non ti dà da mangiare del mangime schifoso e sminuzzato contenente non si sa quali ingredienti muori, che se qualcuno mentre ti porta a casa in un sacchetto ti schiaccia o ti fa bucare il sacchetto muori. Il qualcuno da cui dipende la tua vita è lo stesso qualcuno che cerca invano la tua compagnia o una sorta di tua partecipazione emotiva alla sua vita tamburellando le dita sulla boccia di cui sopra, ma questo gioco può durare quanto? Un minuto? Tanto comunque se sei un pesce rosso, alla fine non fai compagnia, non esprimi niente, e dopo un po’ diventi solo un peso.
E poi magari va a finire che quando il qualcuno che ti dava da mangiare va in vacanza, ti lascia lì a un amico o al portinaio, e diventi solo un peso. Oppure ti rovescia nella fontanella al parco, e dal momento che la tua grassezza cresce in maniera direttamente proporzionale alla quantità d’ acqua e mucillagine in cui vivi, probabilmente diventerai obeso ed ipertrofico.

Omiodddio, menomale che non sono un pesce rosso.

L’ allegria che mi pervade nel weekend, specialmente in un weekend in cui dovevo andare in gita a Sirmione e invece non posso andare perchè il cielo ha un colore invitante quanto la prospettiva di vivere una vita da pesce rosso, è davvero contagiosa.

Tuttavia, proprio mentre scrivevo questo articolo, mi è venuta un’ idea su cosa fare pomeriggio.
E quindi, oh, yeah.

L’ articolo di ieri sera?
No, dai, non c’ ho voglia di spiegarvelo…

Stay Tuned.

Annunci